sgrunt.com

il vostro nuovo riflesso umorale

back to sgrunt home
Diario di Viaggio

  India, 2003            

  L'arrivo

  Verso nord

  Il nord

  Varanasi

Appunti di Viaggio

  USA, 2003-2005    

  Thailand &           
  Laos, 2004          

  Japan, 2004         

  Brasil, 2003           

  Russia, 2003         

  Berlin, 2002         

  Newport, 2001      

Che Viaggio

  Perche'

  Scrivimi

  Raggiungimi qui

Documenti

  Produzione interna

  Produzione esterna

RUSSIA, 2003
appunti di viaggio

 

 

:: 26.7.03 ::

- Mosca -


Il primo impatto con il potere della geometria lo si ha subito, appena prima di atterrare all'aeroporto. Strade perfette, linee precise che uniscono due punti, secondo la definizione dei manuali, paesi rettangolari scavati nelle foreste con precisione goniometrica, e il sole dell'avvenire sullo sfondo.

Fa caldo infatti, e' l'una del pomeriggio qui e la luce del giorno proseguira' fino alle undici di sera. Arriviamo al nostro albergo, giusto sulla piazza rossa, ma le stanze sono troppo da guerra fredda per i nostri gusti, dunque scendiamo per fare un upgrade, e soprattutto per cercare di tradurre in russo upgrade, ed ottenere una stanza piu bella e con vista sul Cremlino.
Per fare questa operazione pero' le ragazze bionde della reception non hanno deleghe sufficienti, deve essere il comitato turistico centrale (letterale) a decidere per l'eventuale upgrade, ma il comitato turistico centrale non si riunisce il sabato e neppure si riunisce la domenica, quindi niente stanze nuove e niente vista sul Cremlino.


:: D 08:09
[+] ::
...

 

 

:: 29.7.03 ::

- Mosca -


La metropolitana di Mosca e' proprio come la volevano quelli che l'hanno costruita, primo tra tutti Giuseppe Stalin: la piu' bella del mondo.
Ed in effetti la e', senza dubbio, ne'quella di New York, ne' quella di Londra, neppure quella di Parigi con le stazioni a tema, neppure quella di Roma che potrebbe spiccare, a suo modo, per la sua totale inutilita' e piccolezza, neppure questi tubi riescono ad essere tanto affascinanti quanto gli spazi sotterranei della metro' di mosca. E quando si dice sotterranei, in questo caso si intende pressapoco prossimi al centro della terra.

Cosi' infatti l'ha voluta Giuseppe, sotterranea che piu' di cosi' non si puo', due piccioni con una fava, metropolitana e rifugio in caso di attacco americano allo stesso tempo.
Intuito poi col passare degli anni che a poco sarebbero comunque serviti i suoi cunicoli nel caso di una guerra nucleare, i successori di Stalin avevano preso a costruire le nuove stazioni invece il piu' in superficie e nel modo piu' economico possibile, non mi stupirei se ora le appaltassero direttamente alle solite multinazionali americane.

A parte i dettagli della storia, i comunisti qui hanno fatto davvero un gran bel lavoro. Le stazioni costruite attorno agli anni '40 sono uno splendido esempio di architettura neoclassica, spazi trionfali di marmo, pietra, bassorilievi e statue di giovani lavoratori, baldanzosi e soprattutto volenterosi, che qui a Mosca stanno in verita' un po' dappertutto, appesi ai muri dei palazzi, in cima ai tetti dei monumenti, di fianco alle porte della Duma.
La metropolitana di Mosca e' pulitissima, spaziosissima, puntualissima, non passano mai piu' di due minuti prima che arrivi un treno sopra i binari con il soffitto affrescato e l'illuminazione dei lampadary liberty-comunisti che riflettono la luce sulle volte.

Le carrozze sono bellissime, sedili di pelle e lampade ad incandescenza. Solo un poco rumorose, e' vero, ma tanto nessuno si deve ascoltare in fondo, perche' nessuno parla.


:: D 08:09
[+] ::
...

 

 

:: 3.8.03 ::

- San Pietroburgo -


Fotografare San Pietroburgo e' un po' come per un fotografo di moda fare una foto alla Casta o a Brad Pitt.
Da qualunque parte, con qualsiasi angolazione, con ogni qualita' di luce, il soggetto comunque viene sempre bello.

:: D 17:24
[+] ::
...

 

Copyright 2002-2005 sgrunt.com - All Rights Reserved